Razzismo in Italia

Quasi un anno fa a Firenze, il 13 dicembre 2011, cinque uomini provenienti dal Senegal vennero raggiunti da colpi di pistola esplosi da Gianluca Casseri, 50enne pistoiese frequentatore dell’associazione di estrema destra Casa Pound. Casseri, che aveva come bersaglio i venditori ambulanti senegalese, iniziò a sparare nel mercato di piazza Dalmazia, poi prese la macchina e si spostò nella zona di San Lorenzo, dove fece altre vittime. Due di questi uomini, Samb Modou e Diop Mor rimasero uccisi. Altri stanno ancora passando periodi di convalscenza più o meno duri.

La vita dei migranti in Italia può esser dura, e può diventare insopportabile. La catastrofe fiorentina di un anno fa è stata la punta di un iceberg enorme, quotidianamente costruito da piccoli fatti razzisti, da pregiudizi striscianti e spesso da agguati premeditati. Questo succede poi proprio quando emergono i dati (vedi qui) nei quali si evince che sono proprio i migranti che stanno tenendo a galla questo paese.

info Italia, razzismo