I potenti del mondo e l’Africa

Segnaliamo una serie di articoli e di materiali per scoprire il punto di vista delle principali potenze mondiali sul continente africano.

Ad esempio qui: si può leggere qui la bella intervista in cui Obama espone diffusamente il suo pensiero sull’Africa, considerata una forza da integrare a pieno titolo nell’economia mondiale.

L’intera conversazione, raccolta da un giornalista nell’Economist nel corso di un volo sull’Air Force One, si può ascoltare qui.

Secondo questo articolo apparso su Der Spiegel l’Africa non rientra tra i pensieri prioritari di Faru Merkel e della Germania. Anche gli imprenditori tedeschi ritengono che al momento sia troppo difficile investire nel continente africano , solo la Lufthansa sembra interessata a questo mercato. Va segnalata comunque l’iniziativa “Go Africa … Go Germany …” già attiva da cinque anni, che mira a creare un network permanente tra laureati africani e tedeschi.

L’interesse della Cina per il continente africano è noto, in questo articolo si fa il punto delle relazioni sino-cinesi in occasione della visita in Tanzania di Xi Jinping. Nel coroso della sua visita in Tanzania il leader cinese Xi Jinping ha pronunciato un discorso sul sogno cinese e il sogno africano che si incontrano per realizzare un sogno mondiale di pace e di prosperità. Queste le parole di Xi Jinping: “I popoli cinese e africano devono rafforzare l’unione, la cooperazione, il supporto e l’assistenza reciproci al fine di realizzare i nostri sogni. Dobbiamo anche lavorare col resto del mondo per realizzare il sogno mondiale di una pace durevole e di una comune prosperità, nonché dare nuovi e maggiori contributi alla nobile causa della pace e dello sviluppo del genere umano”.

Si può leggere qui l’analisi di Yun Sun sulla presenza politica cinese nel continente africano. Viene sottolineato anche il nuovo ruolo militare della Cina in contesti instabili come il Mali e il sud Sudan.

Ancora di Yun Sun è disponibile on-line un volume che analizza la politica estera cinese in Africa, tra investimenti, interessi strategici e ideologia.

Narendra Modi, primo ministro indiano, vede nell’Africa un partner strategico, soprattutto con Paesi come Madagascar e Mozambico che si affacciano sull’Oceano Indiano.

Infine di Alioune Ndiaye, autore senegalese che ha studiato a lungo la presenza indiana in Africa, si può leggere qui la recensione di Ndeye Sene Mbaye al suo libro intitolato “L’Afrique dans la politique étrangère indienne”.