Le lingue locali fanno ingresso all’Assemblea nazionale senegalese

Due giorni dopo aver ospitato il vertice mondiale della francofonia, il Senegal ha istituito presso il Parlamento un servizio di traduzione simultanea, dunque i deputati potranno da adesso esprimersi, oltre che in francese, in una delle lingue nazionali riconosciute (wolof, diola, malinké, pular, sérère, soninké). Si tratta di un’esperienza molto originale tra i Paesi africani.

Vedi qui.